6 motivi che ti faranno mettere in discussione la società

Scommetto che come tutti tu sei nato più o meno in questo periodo storico, la maggior parte sono nati nel secolo scorso, mentre i più giovani in questo, questa è una certezza.
Noi siamo di passaggio sulla terra e questo è un dato di fatto, però nessuno ha mai messo in discussione nulla dell’epoca in cui viviamo.
Le nuove generazioni sicuramente avranno dato per scontato l’esistenza dei computer, quelli più adulti la televisione, quelli più anziani (e non offendetevi se vi chiamo anziani) avranno sicuramente dato per scontato l’esistenza della radio.
La radio… Che bella invenzione! Non tutti ne conoscono il funzionamento eppure lei c’è, è sempre stata lì. L’ha inventata un tizio vissuto chissà quanti anni fa di nome Guglielmo Marconi.
Noi viviamo nel periodo storico in cui la radio esiste e noi tutti (anche tu che stai leggendo) lo abbiamo assodato e accettato come verità.
Come la radio la società odierna è costellata di cose che abbiamo assodato. Vuoi degli esempi?
Dire “prego” dopo il “grazie”, dire “congratulazioni” quando scopri che una donna che a stento conosci è rimasta incinta, fare le condoglianze quando una persona muore… Ma dove voglio arrivare?
Forse è ora di svegliarci e pensare di liberarci da questi costrutti sociali che abbiamo accettato solo nascendo in questo periodo storico.
Oggi non voglio dirti di smettere di dire “prego” o “condoglianze”, sarebbe troppo e sarebbe da cafoni.
Oggi voglio spiegarti 6 motivi per cui questo mondo in cui viviamo non ci appartiene ed è lontano dalle nostre reali inclinazioni da esseri umani.
Questi 6 motivi ti aiuteranno a mettere in discussione la società in cui noi tutti viviamo e ti aiuteranno a capire che forse non sei tu a essere inadatto per il mondo, ma è il mondo ad essere inadatto a te.

1) PENSA PRIMA DI AGIRE

Quante volte te lo hanno mai detto?
“Imbecille, pensa prima di dire idiozie!”
In parte è vero, magari a volte qualche idiozia (per non dire altro) ti è sfuggita perchè sei troppo impulsivo, ma ehi…
Va bene così!
Noi discendiamo da delle scimmie, o ominidi, o non so la scienza come li definisca, ma il punto è che siamo animali e questa è una verità innegabile, tienila bene a mente perchè è una storiella che ritornerà sempre in questi articoli.
I pignoli mi diranno che siamo dotati di ragione, ma questo per quanto mi riguarda non fa la minima differenza perchè se dovessimo seguire la ragione in ogni momento della vita non saremmo mai felici.
Non credo che quando hai scelto tua moglie o la tua fidanzata o qualunque persona per cui provi un sentimento di affetto tu abbia usato la ragione, eppure sono quelle persone che tu hai scelto a renderti felice.
Come chiunque altro te lo hanno sempre detto, sin da bambino, “pensa prima di agire”.
E io ti dico non farlo.
Oppure fallo, ma sappi che ti stai privando della tua felicità.
Le persone ansiose tendono a pensare troppo alle conseguenze delle loro azioni, ecco perchè soffrono così tanto.
I depressi invece tendono a pensare troppo sulla vita.
Non pensare, agisci e basta.

 

2) AMA IL TUO PROSSIMO COME TE STESSO

E qui sicuramente le persone religiose mi verranno a insultare (molto coerentemente) perchè parlo male di uno dei comandamenti.
Della religione potrei parlare per ore, ma mi limiterò a questa piccola frase, emblema della cristianità. Un po’ come il “porgi l’altra guancia”.
Beh… Io non conosco (santi e martiri esclusi) persone che riuscirebbero ad amare un perfetto sconosciuto come sè stessi.
Se tu ci riesci sappi che ti ammiro, ma cerca anche di farti un esame di coscienza. Anzi ti semplifico la vita con una domanda: daresti la vita per un perfetto sconosciuto?
Io probabilmente un po’ di tempo fa ti avrei risposto di sì, ma ora come ora mi sorge un dubbio: ne vale veramente la pena?
Non prendiamoci in giro, siamo persone con un istinto di conservazione che vogliono sopravvivere costi quel che costi. Magari la Bibbia ha un po’ esagerato, però certe volte siamo costretti a farci piacere persone che normalmente odieremmo, solo per convenienza, per non stare soli o più banalmente perchè vediamo che tutti vanno d’accordo con tutti e noi ci sentiamo esclusi.
Forse è meglio mettere in discussione anche questo.
Forse è meglio non sentirci obbligati a voler bene a qualcuno solo per il quieto vivere o perchè qualcuno ce lo ha detto.
Sentiti libero di odiare chiunque se lo ritieni giusto per te (anche me se vuoi).

 

3) L’ABITO… FA IL MONACO

Ah… Il detto non era così? Lo so. Non so se solo ultimamente, ma da un po’ di tempo a questa parte viviamo un po’ nella società delle apparenze.
E se te lo stessi chiedendo… No, non sono un vecchio che passa il tempo a giudicare i giovani che si vestono alla moda con jeans super attillati o robe del genere.
Io parlo più in generale.
Ho conosciuto persone che sapevano il fatto loro che non hanno fatto strada e persone che sono incredibilmente stupide e incapaci che grazie a un foglio di carta ottenuto per chissà quale motivo (e in che modo) sono capi di aziende e persone di successo.
Questo è un bell’esempio: quello della laurea.
So perfettamente che nel 90% dei casi chi ha la laurea ha un cervello e ha capacità, quello che non capisco è perchè una persona per dimostrare le competenze che ha debba avercela.
Ma non sarebbe il caso di giudicare una persona dalle azioni che compie e non da un foglio di carta o da un numero sul conto corrente o da quante macchine possiede?
Ti chiedo scusa se metto in discussione cose ormai assodate, ma ormai avrai capito lo spirito critico che voglio insegnarti.
Metti in discussione anche tu ogni cosa.

 

4) LE COSE CHE POSSIEDI ALLA FINE TI POSSIEDONO

Per rimanere in tema di macchine di lusso e apparenza, parliamo del consumismo. La frase che hai appena letto è del romanzo nonchè film “Fight Club” che ti consiglio di andare a recuperare se non ne hai mai sentito parlare.
Cos’è il consumismo?
E’ la tendenza delle persone del ventesimo e ventunesimo secolo all’irrefrenabile compera di oggetti, beni di consumo o altra roba che la gente si autoconvince che possa riempire dei buchi nella loro vita.
Molti trovano nel possesso di una bella casa o di una bella macchina la realizzazione della propria vita, solo quando è troppo tardi si accorgono di quanto fossero inutili.
Credo che un passo importante per trovare la felicità sia liberarti dei tuoi beni di consumo.
Lo so cosa stai pensando… Non ti sto dicendo di spogliarti dei tuoi beni come San Francesco, sto solo dicendo che forse questi non hanno poi tanto valore.
Forse la società ti ha insegnato che per essere un uomo completo devi avere una bella casa, una bella macchina, un bel lavoro, e essere completo forse ti renderà felice.
No, smettila di essere completo.
Metti in discussione il fatto che le cose materiali non contano nella vita e possedere molto non ti renderà felice.
Lo so che forse tu che stai leggendo sarai più morto di fame di me (il che è veramente grave) però credimi quando ti dico che i soldi non fanno la felicità.
Solitamente più una persona da peso ai soldi più sarà infelice, sono i barboni che vivono alla giornata quelli veramente felici.
Anzi quelli veramente felici sono i barboni che vivono alla giornata che sono pure stupidi (privi di denaro e di intelligenza), ma questa è un’altra storia, ne parleremo più in là.

 

5) PRIMA IL DOVERE E POI IL PIACERE

Ti chiedo scusa in anticipo se sembrerò un po’ incavolato, ma si stanno toccando sempre di più argomenti di cui ormai la società è satura e che io proprio non riesco a mandar giù.
Mio padre me lo ha sempre detto: “Prima il dovere e poi il piacere.”
Ma perchè non può essere “Prima il piacere e poi il piacere”? Maledizione!
Secondo te no? Prova a pensarci un attimo.
Che senso ha vivere dando la priorità ad una cosa che fai malvolentieri?
Magari sono io strano, ma credo che ogni azione che decidi di fare deve avere come fine un soddisfacimento interiore che ti renda felice.
Parliamoci chiaro… Non puoi fare una facoltà che ti fa schifo e sperare di portare a termine gli studi a pieni voti, non puoi fare bene un lavoro se non ti piace.
Tu un giorno morirai, questa è una certezza e devi smettere di non pensare alla tua morte, perchè prima o poi accadrà.
Vuoi arrivare alla tua morte facendo le cose per “senso del dovere” o vuoi sentirti realizzato?
Dai le priorità non al dovere, il dovere non esiste.
Anche nelle difficoltà devi sempre cercare una motivazione per andare avanti, e la motivazione la trovi solo se ti senti felice per le cose che fai, solo così supererai le difficoltà.
Non importa quanto tu stia soffrendo per problemi che neanche ti sei cercato, se hai la giusta motivazione puoi uscirne sempre vincitore.

 

6) METTI LA GIACCA!

Questo si ricollega molto al punto numero 3, ma è leggermente diverso.
Per chi non lo conoscesse la frase è del leggen… sta arrivando… dario Barney Stinson della serie televisiva How I Met Your Mother, bellissima sitcom, e lui uno dei personaggi più divertenti e meglio riusciti.
Lui vuole far mettere la giacca a Ted, il protagonista, perchè così può rimorchiare tante ragazze tutte in una sera. Per quale motivo proprio la giacca?
Perchè la giacca dice che sei un uomo d’affari e che forse hai successo nella vita.
La giacca dice al mondo che ti sei uniformato a esso, anche se non è così, non lo è mai.
Ted spesso si rifiuta e fa bene, perchè lui non vuole essere ciò che non è solo per portarsi a letto qualche donzella.
Devi smetterla di provare a essere ciò che non sei facendo finta e recitando una commedia solo perchè la società te lo impone.
La tua vita non deve per forza essere una recita teatrale con il copione scritto dalla società in cui vivi.
In parole povere, sii te stesso. Metti in discussione l’uniformazione. Tu non sei un soldatino, non vestirti in uniforme.

 

Grazie per l’attenzione, ricorda di farmi sapere la tua nei commenti e se ti è piaciuto l’articolo condividilo su facebook e metti “mi piace” alla pagina per avere altre notizie del blog.
Mi raccomando, siate le mie fenici, distruggete ogni cosa per risorgere dalle ceneri.

 

Annunci

Una risposta a "6 motivi che ti faranno mettere in discussione la società"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: